Loading

mag 232010
 
Pinterest
closeNOTA: questo articolo è stato pubblicato 4 anni 5 mesi 3 giorni fà, quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere aggiornate.

3d-tv

I nuovi TV 3D racchiudono tutte le tecnologie necessarie per riprodurre in tre dimensioni sia i filmati nativi 3D che i normali contenuti 2D, come i classici DVD della propria collezione, gli eventi sportivi, i cartoni animati e i documentari.
Infatti chi già possiede o prevede di acquistare a breve un televisore 3D non deve necessariamente attendere l’ arrivo di film realizzati in 3D o di apposite trasmissioni televisive per godere appieno della terza dimensione: sarà sufficiente indossare gli specifici occhialini attivi, in dotazione col nuovo TV 3D, che dialogano alla perfezione con il televisore sincronizzando l’ immagine presente sullo schermo, cosi da ottenere un effetto tridimensionale anche da contenuti originariamente pensati per una visione tradizionale in 2D.

Towerlight2002 consiglia: Porta sempre con te i tuoi documenti quando ne hai bisogno con Dropbox.
Registrati gratuitamente! https://www.dropbox.com/

La conversione in tempo reale da 2D a 3D sfrutta uno speciale algoritmo che analizza colore, forma, luminosità e altri fattori degli oggetti di un’ immagine ed elabora una seconda immagine contraddistinta da una prospettiva spostata di circa sette centimetri a lato di questa, imitando molto virtualmente il punto di vista di un secondo occhio. :-o
Una volta creata questa nuova immagine il TV avrà a disposizione due prospettive della stessa scena, necessarie per imitare la nostra visione binoculare e ricostruire il fattore profondità, alternando nella sequenza le immagini destinate all’ occhio destro con quelle destinate all’ occhio sinistro, moltissime volte al secondo. 8-O
Chi siede davanti al televisore deve indossare gli specifici occhiali attivi le cui lenti sono in grado di oscurarsi alternativamente, in sincronia con la riproduzione dei fotogrammi sulla TV. In questo modo si riesce a far si che ogni occhio veda unicamente l’ immagine a lui destinata e l’ operazione avviene talmente velocemente che il cervello umano elabora i due fotogrammi come se fossero visualizzati nello stesso momento, ricreando così quel senso di profondità e donando la terza dimensione a un video o filmato nato in 2D.

Ovviamente questa conversione indispensabile per la trasformazione dei filmati originariamente pensati per il 2D in 3D, è completamente escludibile, scongiurando il rischio di forzature digitali che, su diversi filmati, potrebbe rendere la scena 3D molto poco naturale.

Al momento si può dire che i titoli cinematografici più moderni, specialmente quelli di animazione realizzati con tecnologia digitale e contraddistinti da scenari e da primi piani, vanno d’ accordo con il trattamento di tridimensionalizzazione. Anche le partite di calcio sono un’ altra categoria di contenuti che godono dell’ elaborazione real time in 3D: il giocatore viene portato in primo piano rispetto al campo di gioco, che rimane distintamente sullo sfondo, trasformandolo magicamente in un match mozzafiato tridimensionale…

La soluzione migliore rimane quindi quella di giudicare di volta in volta se il tipo di video che sottoponiamo alla conversione da 2D a 3D è più o meno adattato alla visione tridimensionale.

————————————————
:idea:Iscriviti alla newsletter per ricevere i nuovi articoli comodamente nella tua posta elettronica.
————————————————

Condividi l’articolo con i tuoi amici…

Pinterest
---> Spazio per la tua pubblicità. Contattami <---

  2 Responses to “TV e 3D: i nuovi televisori in grado di riprodurre video 2D in 3D”

  1. Ragazzi vorrei segnalarvi questo articolo: http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp?titolo=%27
    Forse non c'è limite al cattivo gusto e ai cattivi comportamenti… Ma a me sembra che Mediaset stia davvero esagerando.

  2. [...] TV e 3D: i nuovi televisori in grado di riprodurre video 2D in 3D [...]

 Leave a Reply

(required)

(required)

You might also likeclose